La Tecnica

Cenni generali

La tricopigmentazione è una tecnica di dermopigmentazione (tatuaggio) finalizzata alla risoluzione di problemi di vario genere:
  • alopecia areata;
  • alopecia androgenetica;
  • calvizie generiche;
  • cicatrici nucali da autotrapianto;
  • cicatrici generiche;
  • protesi.
Essa permette d’inoculare nello strato superficiale della pelle un pigmento in grado d’alterarne l’aspetto e ricreare particolari effetti nel cuoio capelluto.
Come risultato può nascondere calvizie, cicatrici o assenze di capelli donando un effetto rasato in caso di capelli cortissimi, o un effetto densità in caso di capelli più lunghi, con risultati estremamente realistici e naturali.
La tricopigmentazione può essere realizzata in due modalità: temporanea o permanente.
La tricopigmentazione permanente è irreversibile (a meno di trattamenti di rimozione tramite laser); questa soluzione è nata per durare nel tempo, ha costi iniziali più elevati ma necessita di poca manutenzione (interventi di ribattitura a distanza di anni).
La tricopigmentazione temporanea viene realizzata grazie pigmenti bioriassorbibili, con particelle di dimensione inferiore ai 15 Micron inserite nel derma, in modo tale che possano essere espulse dall’organismo attraverso il processo di fagocitosi.
Schema tecnico tricopigmentazione
Applicazione pigmento con ago.
Questa tecnica è reversibile e permette di mantenere libertà di scelta: può non essere rinnovata nel tempo attendendo il naturale sbiadimento dell’effetto, oppure adattata ai naturali processi di invecchiamento effettuando nuovi interventi di ripigmentazione che simulino l’imbianchimento dei capelli.

I nostri servizi

Studio LadyTattoo effettua interventi di tricopigmentazione temporanea prediligendo l’utilizzo di pigmenti anallergici e biocompatibili, dello stesso colore dei capelli naturali del soggetto.
I nostri interventi si adattano ai seguenti scenari:

  • effetto rasato: simulazione della naturale crescita del capello su zona glabra;
  • effetto densità: simulazione della naturale copertura con effetto di rinfoltimento, per mascherare situazioni di diradamento dei capelli;
  • alopecia vertex: simulazione della naturale copertura nella zona di diradamento dei capelli, con mascheramento della tipica “piazzetta”;
  • cicatrici nucali da autotrapianto: copertura delle cicatrici nucali, legate ad autotrapianto, simulando l’effetto dei capelli della zona circostante;
  • cicatrici generiche: copertura di cicatrici di altra natura, simulando l’effetto dei capelli della zona circostante.

Ricorriamo a tecniche innovative per ottenere risultati estremamente realistici ed evitare problemi legati alle migrazioni di colore. Ovviamente, trattandosi di un metodo temporaneo, l’effetto sarà soggetto a sbiadimento nel corso del tempo, pertanto sarà bene prevedere interventi di battitura ogni 12 mesi.
In caso di assenza di nuovi interventi, i pigmenti verranno eliminati dall’organismo in un tempo che può cambiare da persona a persona, ma che solitamente varia tra 1 e 2 anni.

Domande frequenti

  • Quali sono le differenze tra tricopigmentazione e tatuaggio?
    Sebbene la tipologia di intervento e la tecnica presenti diverse similitudini, la tricopigmentazione temporanea si differenzia per la sua durata transitoria e per le tipologie di pigmenti utilizzati. I pigmenti della tricopigmentazione, vengono depositati negli strati superficiali del derma e grazie alla loro struttura chimica sono riassorbibili nel tempo e, quindi, non definitivi.
  • Per quanto tempo si mantiene la tricopigmentazione temporanea?
    La tricopigmentazione si presenta in buone condizioni per un tempo che può variare da individuo ad individuo, indicativamente non inferiore ai 12 mesi. Consigliamo regolari sedute di ritocco a distanza di un anno per mantenere sempre un effetto naturale e accurato.
    In assenza di interventi l’effetto svanirà completamente entro un paio di anni.
  • Qual è la tempistica degli interventi?
    Solitamente, viene effettuata la seduta iniziale e un incontro di controllo a distanza di un mese – con eventuale richiamo.
    Per mantenere l’effetto in buono stato, occorre poi concordare successive sedute a distanza di un anno.
  • Dopo una seduta posso tornare subito alla quotidianità?
    Sì, nei giorni successivi si presentarà al più un leggero rossore che tenderà gradualmente a svanire.
  • È possibile effettuare la Tricopigmentazione prima e dopo un intervento di autotrapianto di capelli?
    Sì, senza problemi; per un risultato estetico ottimale consigliamo di effettuare la tricopigmentazione in seguito al trapianto, perfezionandone il risultato.
  • La tricopigmentazione può danneggiare, in qualche modo, i capelli e il cuoio capelluto?
    Un intervento di tricopigmentazione eseguito correttamente non crea danno ai capelli e, anzi, al contrario, grazie all’azione degli aghi nella pelle può agevolare il richiamo di sangue verso la superficie e stimolare una naturale ricrescita di lanugine.
    Il cuoio capelluto non subisce danni e, considerando che Studio LadyTattoo pratica tricopigmentazione temporanea, in assenza di nuove sedute di ribattitura l’intervento sarà completamente riassorbito nel tempo e l’effetto svanirà.
  • Posso contattarvi per sapere di più sulla tricopigmentazione, senza impegno, e vedere dal vivo l’effetto finale?
    Senza dubbio, fisseremo un incontro gratuito per discutere tutti gli eventuali dubbi e mostrarvi il risultato dei precedenti interventi.
    È anche possibile richiedere una sessione di simulazione; in pratica simuleremo l’intervento della trico applicando al vostro capo dei prodotti rimovibili per darvi l’idea di quale sarebbe l’effetto finale. Potrete poi decidere se procedere con l’applicazione della tricopigmentazione o meno.
  • Il trattamento causa dolore?
    Premesso che il dolore è un fattore soggettivo, l’utilizzo di prodotti idonei e attrezzature all’avanguardia da parte di una persona qualificata rende generalmente l’intervento indolore. Soggetti particolarmente sensibili potrebbero avvertire la sensazione di un lieve fastidio, per il solo tempo della seduta.
  • Il trattamento richiede anestesia?
    No, non è necessario ricorrere da anestetici per il trattamento.
  • La tricopigmentazione è adatta anche per le donne?
    Certamente; a seconda del proprio tipo di capigliatura è possibile scegliere differenti effetti (es. effetto rasato o effetto densità).